Settimana della Prevenzione LILT delegazione Mazara

In occasione della settimana della prevenzione la LILT di Mazara del Vallo ha organizzato diversi eventi. In primis per ciò che concerne la campagna di screening mammario attiva tutto l’anno, ma anche con una vera e propria campagna di informazione sull’hpv rivolto a tutti i giovani, maschi e femmine, di età maggiore di 13 anni.

L’infezione da Papilloma Virus Umano (Hpv, Human Papilloma Virus) è un’infezione molto diffusa, trasmessa prevalentemente per via sessuale. Sebbene nella maggior parte dei casi sia transitoria e priva di sintomi evidenti, talvolta si manifesta attraverso lesioni benigne della cute e delle mucose.

La campagna è stata promossa su @onco.food blog dedicato alla vita sana con un Focus mirato sulle malattie neoplastiche. Abbiamo cercato di focalizzare l’attenzione sul fatto che le malattie da HPV, quindi sia i condilomi che successivamente i Tumori non riguardano solo il sesso femminile ma anche quello maschile. I tumori indotti dall’iniezione correlata ad HPV sono: Tumore della Cervice, Tumore Ano, Tumori del Testa collo, Tumori del Pene. Il vaccino protegge da tutte queste terribili malattie.


Inoltre è stato di ffuso un video sui canali social della #liltdelegazionemazara

@liltMazaraDelVallo

La Lilt delegazione Mazara ha inoltre creato una vera e propria campagna attraverso video che sono stati diffusi nelle scuole e le territorio della Provincia di Trapani dove io personalemente ho voluto metterci la faccia.




Lo scopo della campagna è anche quello di spiegare alle persone che nonostante questa terribile pandemia da Covid19 non possiamo e non dobbiamo fermare la prevenzione e la cura della persona.

Quindi allegato alla campagna è stato creato un hashtag

#nonfartifrenare

Campagna di Vaccinazione


I Vaccini disponibili sono tre: bivalente, quadrivalente e, dal 2017, 9-valente. Tutti sono indicati contro i ceppi 16 e 18 responsabili della formazione di lesioni neoplastiche nella cervice uterina. Oltre a garantire questa protezione, il vaccino quadrivalente e il 9-valenteprevengono la formazione dei condilomi genitali, maschili e femminili, causata dai rispettivi ceppi virali (HPV 6 e 11). Dal 2017 è disponibile il vaccino 9-valente, che amplia ulteriormente la protezione contro le classi virali oncogene. Il Piano Nazionale di Prevenzione vaccinale ha inserito la vaccinazione anti-HPV nel calendario vaccinale per tutti gli adolescenti (di sesso femminile e maschile) a partire dal dodicesimo anno di età. Infatti visto che la trasmissione dell’infezione da HPV avviene per contatti principalmente sessuali, la vaccinazione della popolazione maschile dovrebbe aumentare la protezione di maschi e femmine anche per una ridotta circolazione dei virus. Grandi aspettative si hanno anche per la prevenzione dei tumori del cavo orale Hpv-correlati, spesso causati dall’Hpv di tipo 16. La condizione ideale è vaccinare pazienti che ancora non abbiano iniziato l’attività sessuale, per questa ragione il vaccino viene proposto a partite dai 11-12 anni di età: la protezione offerta si abbassa se il soggetto è già venuto a contatto con uno dei ceppi contro cui il vaccino è diretto, ma logicamamente vale la pena sempre farlo Al di là di questa evenienza, i risultati degli studi clinici riportano una considerevole efficacia preventiva dei vaccini (circa del 98%). Completano il profilo vaccinale, oltre all’efficacia, un alto livello di sicurezza e tollerabilità. QUANDO FARE IL VACCINO


Il vaccino anti papilloma virus non è obbligatorio ma è raccomandato (per le ragazze intorno ai 12 anni) vista la frequenza delle infezioni da HPV e le potenziali conseguenze. Considerato che il contagio avviene per via sessuale è preferibile somministrare il vaccino prima dell’inizio dell’attività sessuale.

Le dosi variano a seconda dell’età e del tipo di vaccino:

  • Vaccino bivalente: tra i 9 e i 14 anni, due dosi (di cui la seconda dopo 5-7 mesi dalla prima). Dai 14 anni, tre dosi (di cui la seconda dopo 1-2,5 mesi dalla prima e la terza 5-12 mesi dopo la prima).

  • Vaccino quadrivalente: tra i 9 e i 13 anni, due dosi (di cui la seconda dopo 6 mesi dalla prima). Può essere anche somministrato in tre dosi (di cui la seconda ad almeno un mese dalla prima e la terza dopo almeno tre mesi dalla seconda. Le tre dosi vanno comunque somministrate entro un anno).

Dai 14 anni, tre dosi seguendo lo schema precedente.


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Festa della Donna

A tutte le donne, che sono anche madri compagne, amiche, ed é difficile pensare un percorso di qualsiasi genere senza di loro. Donne che anche durante la malattia sanno insegnarci come affrontare la v

 antoninodaidone.com  ®   -  2021